Stock Options USA

I piani sottoscrivibili

Scopri anche le altre rubriche e servizi.

Stock Options USA è una newsletter operativa sulle opzioni su azioni ed ETF statunitensi che viene erogato tramite segnali operativi che vengono inviati ai soli abbonati a mezzo mail.

Le operazioni vengono generate dagli algoritmi innovativi inclusi nella piattaforma TradePort, che ricercano operazioni aventi probabilità di successo superiori al 90%. I segnali possono essere generati in qualsiasi momento della sessione di apertura statunitense, dunque tra le 15.30 e le 22 ora italiana, anche se di solito le operazioni vengono aperte entro le ore 18.30-19 massimo.

Reportistica quotidiana

Ogni mattina viene inviato agli abbonati un report di commento al portafoglio e di aggiornamento sui livelli probabilistici a favore delle posizioni aperte e sui livelli di attenzione per le stesse.

Inoltre, separatamente, viene inviato un articolo che illustra le eventuali operazioni possibili per la giornata in corso, con indicazione della strategia che si cercherà di mettere a mercato su ciascun sottostante, il livello di prezzo al quale stopparsi in caso di errore, e tutti i dati necessari alla gestione ottimale del rischio. Una volta aperte, le operazioni vengono monitorate costantemente e ne viene suggerito il miglior modo possibile di gestirle fino alla loro scadenza.

 

Tipologia di operazioni effettuate

L’operatività si svolge mediante alcune strategie tipiche in opzioni: spread verticali e iron condor la maggior parte delle volte; ratio spread saltuariamente, quando le condizioni di volatilità implicita sono tali da rendere preferibile la scelta di tali strategie al posto dei normali spread verticali. Vengono utilizzate anche le vendite naked di put, quando si ritiene che le condizioni di mercato siano tali da permettersi di assumerne il rischio.

In generale l’obiettivo è di portare le posizioni a scadenza senza fare nulla dopo che sono state aperte. Il ratio spread e la naked put possono invece richiedere una gestione in alcuni particolari momenti, quindi può capitare di intervenire sulle posizioni in essere per trasformarle in posizioni interamente positive o per chiuderle completamente (a seconda dei casi specifici). La frequenza dell’operatività è molto variabile, ma l’idea è di non avere più di 10-12 posizioni aperte contemporaneamente. Le scadenze sono sempre inferiori ai 60 giorni.

Capitale consigliato e money management

Il capitale viene utilizzato in base ad un criterio di money management che mira ad attribuire a ciascuna posizione aperta lo stesso rischio lordo (a meno di inevitabili approssimazioni): 1000$ (da cui va decurtato il premio incassato). Per non appesantire eccessivamente il portafoglio e non rendere difficile la sua gestione si cercherà di non avere più di 10-15 strategie aperte contemporaneamente. Ipotizzando dunque un capitale massimo impiegato di circa 13500$ e volendo mantenere una riserva di emergenza per far fronte a temporanei drawdown si consiglia di disporre di un capitale di 20000$.

Broker di appoggio

Gli algoritmi di screening qui impiegati passano in rassegna circa 4500 sottostanti opzionabili quotati sui mercati statunitensi. Nessun broker italiano permette una operatività così diversificata, quindi è necessario aprire un conto con un broker estero (qualora non se ne abbia già uno). In particolare si consiglia di operare con Interactive Brokers, la cui piattaforma è particolarmente adatta a questo tipo di operatività, e i costi caricati sul cliente sono estremamente contenuti.

Regime dichiarativo e conseguenti adempimenti necessari

L’apertura di un conto con Interactive Brokers comporta la necessità di rivolgersi ad un commercialista capace di gestire la contabilità dell’operatività estera ai fini della dichiarazione dei redditi. A questo proposito si segnala che esiste un servizio online molto valido erogato ad un costo annuale molto ridotto (si parla di meno di 200€). Grazie a questo servizio è possibile rendere molto semplice e rapida la gestione delle questioni fiscali.